lunedì 16 marzo 2015

Biblioteca del cucito: DRAPE DRAPE, Hisako Sato (Laurence King)

Oggi voglio parlare di “Drape drape”, che è come dire “il nuovo nero”.
Questo libro dà dipendenza, ho acquistato il primo, ho realizzato ben tre modelli (per me è un super record) ed ora che sono riuscita a mettere le mani su Drape Drape 2 mi sento come Attila alla conquista del mondo. Cioè, non proprio Attila, qualcuno di un filino più positivo… comunque.


I modelli proposti nel libro sono mooolto interessanti, le istruzioni chiare anche se essenziali e la tabella della taglie da commuoversi, soprattutto se consideriamo che è un libro giappo (l’autrice, Hisako Sato, esce dritta dritta dal Bunka Fashion College, per capirci la stessa scuola di Tomoko Nakamichi – Pattern Magic – e Yohji Yamamoto): cioè, io sono XL per seno, e XXL per tutto il resto, inclusa l’altezza, ma con il righello graduato adattare il cartamodello - ATTENZIONE signore in fase di tracciamento, e non successivamente - è un gioco da ragazzi… senza considerare che usando tessuti stretch spesso non serve nemmeno adattare.



Vi ho già detto che il libro contiene anche i cartamodelli di TUTTI i capi proposti? Questo a mio avviso è un aspetto decisamente positivo… inoltre, i cartamodelli sono tracciati su due foglioni di carta (ossia, quattro facciate), per cui sono molto chiari.


Devo aggiungere altro? Perché non state già andando su Amazon a comprarlo (e Amazon non mi paga neanche….)?
Se non siete ancora convinte, vi segnalo un link da cui scaricare gratuitamente e legalmente un estratto del libro: http://www.exhibitionsinternational.org/extra/9781856698412_01.pdf
Ah, io ho pure Drape Drape 2... a breve una recensione, mentre il terzo volume non l’ho ancora acquistato, anche se mi tenta molto.

Nessun commento:

Posta un commento