lunedì 20 luglio 2015

L’arci-abito asburgico: Drape Drape n. 3, abito drappeggiato a vita bassa con riprese (drop-waist gather drape dress)

Vi capita mai di comprare della stoffa senza avere in mente un progetto ben preciso, ma soltanto perché attratte dalla fantasia e “sicuramente ci farò qualcosa”?
A me capitava spesso in passato, il rischio è che poi ti ritrovi con la stoffa perfetta per un determinato lavoro ma mancano giusto quei 20 cm in lunghezza… per cui dopo diversi analoghi episodi cerco di non avere scorte eccessivamente consistenti.
Una delle ultime eccezioni è stata la maglina asburgo che ho comprato tramite il GASV, gruppo acquisto stoffe vintage (qui per la maglina, e qui per il GASV).


Quando l’ho scovata mi è piaciuta subito, era strana e “diversa” e mi è sembrata una cosa poco vista, per cui ho deciso di prendermi tutto il taglio disponibile, circa 1,80 metri.
A quel punto, la stoffa è rimasta quieta per diversi mesi, fino a che non ho comprato Drape Drape: vi ho già parlato del libro (QUI) e di un altro modello realizzato (qui) ma questo vestito, in effetti, è stato il primissimo esperimento.
Tagliato (come si vede in foto) da un unico enorme cartamodello, composto da un singolo pezzo, l’abito prende forma dopo una serie di drappeggi e riprese.


La realizzazione non è complessa, l’unico punto in cui bisogna fare un po’ di attenzione è la cucitura delle maniche. Visto che ho usato un tessuto stretch, e confortata da vari post che avevo letto prima di iniziare, ho evitato la zip sul retro, del tutto inutile.


Nel complesso sono abbastanza soddisfatta, ci sono tuttavia due note dolenti: in primo luogo, la lunghezza dell’abito; come già scritto tutti i modelli di Drape Drape sono pensati per donne alte 1,68 cm (almeno, nella taglia XL), per cui per me l’abito è un filino corto.
La seconda nota dolente è la vestibilità; pur avendo seguito scrupolosamente la tabella della taglie, l’abito mi andava grande: ho corretto l’errore applicando due bottoni, con cui ho creato una strana coppia di pinces simmetriche sul davanti. Un rimedio dell’ultima ora, ma per fortuna il risultato non è (troppo) raffazzonato.


Questo Drape-drape si aggiunge alla mia consistente collezione estiva di abiti (visto che praticamente non indosso altro in estate), anche se essendo piuttosto informale lo userò in contesti non lavorativi.

Nessun commento:

Posta un commento